Olimpiadi, l'Italia vince 5 medaglie in un giorno solo Judo, scherma, tuffi e ciclismo regalano 5 podi alla spedizione azzurra: era successo anche nel primo giorno di gare di 4 anni fa. Ecco chi sono stati gli eroi italiani di giornata Ascolta 631     08 AGOSTO 2016 - MILANO Una domenica da sogno. L'Italia ha vinto 5 medaglie in una volta sola, una scorpacciata riuscita anche il primo giorno di gare a Londra nel 2012 e che vale alla spedizione azzurra il momentaneo secondo posto nel medagliere con 2 ori, 3 argenti e 2 bronzi: solo l'Australia, che finora ha vinto 3 ori e 2 bronzi, è davanti all'Italia. Ecco chi sono stati i medagliati di questa storica giornata, che ha regalato agli azzurri l'oro numero 200 (e poi il 201) nella storia dei Giochi. Giovanni Pellielo festeggia dopo la sua medaglia d'argento nel trap. Ansa Olimpiadi, l'Italia vince 5 medaglie in un giorno solo Complimenti fatti dal Procuratore Sportivo Sundas ARGENTO: ODETTE GIUFFRIDA (JUDO) — La prima medaglia azzurra dal tatami era arrivata nella categoria fino a 52kg, dove la 21enne si era arresa alla kosovara Majlinda Klemendi. ARGENTO: TANIA CAGNOTTO-FRANCESCA DALLAPÈ (TUFFI) — La medaglia del riscatto. Nel trampolino sincronizzato da 3 metri, la coppia azzurra si è inchinata solo alle cinesi Shi e Wu, precedendo il duo australiano Keeney-Smith. BRONZO: ELISA LONGO BORGHINI (CICLISMO) — Nella prova su strada femminile, la 24enne finisce sul podio dietro l'olandese Anna Van der Breggen e la svedese Emma Johnson.

Una cordata di imprenditori italiani è pronta a rilevare il pacchetto di maggioranza del Milan” “Una cordata di imprenditori italiani di altissimo livello, pronti a rilevare il Milan ed evitare che la società calcistica italiana più titolata al mondo diventi di proprietà straniera ”. Il clamoroso annuncio è della Sportman Procuratori Sportivi che ieri notte ha messo allo stesso tavolo prestigiosi operatori economici di caratura internazionale, per gettare le basi di una trattativa che rischia di far saltare tutti gli equilibri del calcio italiano. “Per ovvi motivi di riservatezza – afferma il procuratore sportivo Alessio Sundas – non possiamo svelare i dettagli dell’operazione che è ancora in fase embrionale ed avvolta dall’alone di privacy chiesto dalla cordata di imprenditori. Che, prima di uscire allo scoperto, legittimamente desiderano sapere se i vertici del Milan sono disponibili ad un incontro per sondare la possibilità della cessione del pacchetto di maggioranza da parte della famiglia Berlusconi. La Sportman Procuratori Sportivi da giorni lavorava a questo progetto, abbiamo contattato aziende ed operatori economici solidi che non intendono assistere passivamente alla presa di possesso delle quote del Milan a non meglio specificati personaggi provenienti da chissà dove. Abbiamo scelto di rendere pubblica questa ipotesi di trattativa per giocare a carte scoperte ed evitare speculazioni giornalistiche e strumentalizzazioni. Ufficialmente chiediamo ai dirigenti del Milan un incontro, la proposta economica è estremamente seria, la Sportman Procuratori Sportivi sarà il garante e mediatore di un’idea che potrebbe cambiare le carte in tavola” L’Ufficio stampa Roma 05/08/2016

COMUNICATO STAMPA “I Procuratori dei calciatori non sono tutti squali” “E’ facile sparare a zero sui procuratori dei giocatori di calcio, raccontando storie di fantasia e dipingendo un mare di squali famelici di soldi e potere. La realtà dei fatti è che un conto è rappresentare campioni affermati, un altro è aiutare tanti giovani atleti a trovare una collocazione nel panorama del football internazionale”. La Sportman Procuratori Sportivi ha deciso di prendere posizione dopo le critiche alla categoria, apparse su alcuni mass media, che hanno dipinto come un mondo di lupi famelici e senza scrupoli tutta la categoria. “E’ profondamente ingiusto – afferma il procuratore Alessio Sundas – propalare notizie e concetti che gettano fango e discredito su centinaia di professionisti che hanno contribuito nel tempo a liberare i calciatori dalla tirannia delle società che decidevano acquisti e cessioni senza mai consultare i diretti interessati. Non neghiamo che ci siano personaggi che si sono arricchiti enormemente nel rappresentare campioni pluri affermati, ma non è tutto oro quello che luccica sul pianeta calcio. La Sportman Procuratori Sportivi, così come altri colleghi, cura gli interessi sopratutto di giovani atleti che cercano spazio nel football e spesso si scontrano con pregiudizi ed ostacoli di varia natura. E’ sin troppo semplice andare a trattare per conto di fenomeni, ad esempio, come Messi e Ronaldo. Si aprono le porte, si pronano i dirigenti, si viene inseguiti da pletore di sponsor. Altra storia è strappare contratti equi per calciatori di medio livello, soprattutto nelle categorie inferiori. Ecco perché come Sportman Procuratori Sportivi respingiamo al mittente le accuse di essere sfruttatori e ricattatori morali nel mondo del calcio. Non si può sparare nel mucchio, le pecore nere esistono in ogni categoria, ma non siamo tutti uguali. La Sportman Procuratori Sportivi rappresenta oltre 350 calciatori che al calcio mercato di Milano proporremo alle più importanti squadre. Ma in modo come sempre onesto e cristallino. Con l’ obiettivo di diventare la migliore azienda italiana ed europea nella gestione dell’immagine e dei contratti dei giocatori di calcio. Dalla Serie A fino alla Serie D, con una particolare attenzione al settore del calcio giovanile da tutto il mondo. Il resto sono chiacchiere e luoghi comuni da bar dello sport”. L’Ufficio stampa

------------------------------------------Procuratore Sportivo La figura del calciatore è una delle immagini più rappresentative di tutto il mondo, e la stessa viene utilizzata da aziende internazionali e multinazionali per promuovere la loro linea di prodotti: shampoo, profumi, abbigliamento ecc... Vi siete mai chiesti perché ci sono calciatori bravissimi, che vivono in chissà quale posto del mondo, e nessuno sa della loro bravura? Campioni che potrebbero essere come Lionel Andrés Messi, Cristiano Ronaldo, Diego Armando Maradona, ma se nessuno scopre i loro nomi, non li sentiremo mai nominare. Ecco perché la figura del procuratore sportivo, o agente dei calciatori, è fondamentale ed è al primo posto della carriera calcistica di ogni sportivo. Il procuratore contatta per lo sportivo le società calcistiche per stipulare contratti, contatta le aziende per proporre di utilizzare l\'immagine dello sportivo per le loro campagne pubblicitarie, si occupa del loro ufficio stampa - che è un ramo importante per la carriera del campione, in quanto l\'immagine e la reputazione sono pilastri fondamentali per i tifosi, per la vita dello stesso, e per la società calcistica, perché non dimentichiamoci che i maggiori finanziatori sono i tifosi che acquistano gli abbonamenti negli stadi di calcio di tutto il mondo. Il procuratore si occupa di intrattenere rapporti con le associazioni benefiche di tutto il mondo per far diventare il loro assistito ambasciatore di fondazioni che aiutano le popolazioni bisognose. Il procuratore è anche un vigilante del proprio sportivo, in quanto deve far tenere sempre una condotta pulita e onesta in tutta la sua carriera e deve assisterlo, anche psicologicamente, nei momenti più difficili. Ogni tanto mi fa piacere ricordare il film di Jerry Maguire, interpretato da Tom Cruise, che parla di un procuratore sportivo che mette tutto il suo cuore per un unico giocatore, e che lo farà poi diventare uno degli agenti sportivi più quotati al mondo. Ed è quello che oggigiorno ho intenzione di metterci: il CUORE e l\'amore per questo lavoro, senza sentire peso del sacrificio di dedicare 19 ore al giorno del proprio tempo per la carriera del proprio futuro campione. Se credi di aver bisogno di me, scrivimi. IL TUO PROCURATORE SPORTIVO